L’argomento è delicato: è tardo pomeriggio quando vengo informata che il mio dolce maritino non sarà a cena a casa questa sera. Per quiete familiare (e amor del vero, dai) voglio innanzitutto specificare che sono strafelice di cucinare per lui e trascorrere la serata a chiacchierare e sorseggiare vino insieme a lui. Però, inutile negarlo, davanti alla prospettiva di una serata a casa da sola, per un attimo mi ha percorso un lieve brivido di libertà. Serata da sola a casa = silenzio; tuta grigia calda e rassicurante come un abbraccio; possibilità di mangiare sul divano guardando Cuochi e fiamme (ci metto un attimo a trasformarmi nella Casalinga di Voghera); poter leggere in completa tranquillità il mio libro del momento (Dona Flor e i suoi due mariti di J. Amado), per risollevare il livello culturale appena finito Cuochi e fiamme. Una serata così necessita di un piatto veloce da cucinare ma… buonissimo! Spaghetti alici e pecorino.
Dopo la recente esperienza del tortino di alici, per preparare il quale ho pulito ben 600 gr di alici, non mi spaventa certo un piatto di spaghetti. Occorrente: 100 gr di spaghetti, 5 o 6 alici freschissime, 4 filetti di acciughe sottolio, olio evo, 2 spicchi di aglio, 4 pomodori da sugo, sale, 20 gr pecorino grattugiato.
Pulite le alici (il metodo è sempre quello: togliete la testa tirando via anche le interiora, aprite l’alice e togliete la lisca. Sciacquate le alici sotto l’acqua fredda). Lavate e pelate i pomodori,   tagliateli a pezzetti e in una padella capiente scaldate un filo di olio e gli spicchi aglio. Aggiungete le acciughe sottolio, fatele sciogliere. Buttate in padella i pomodori e fate cuocere con il coperchio per una decina di minuti. Aggiungete i filetti di alici fresche e completate la cottura.
Cuocete gli spaghetti, scolateli al dente e ripassateli nella padella con il sugo. Mantecate con un filo di olio delle acciughe e una spolverata di pecorino grattugiato.