novembre 2012

Gnocchetti con mazzancolle, zucchine e pomodorini

In questo ultimo mese il clima qui a Roma è stato variabile, ma ci ha regalato delle indimenticabili giornate di sole e di tepore per cui in qualche caso è stato difficile convincersi di essere arrivati alle porte di dicembre.
La tavola è stata irrimediabilmente condizionata dalle bizzarrie del meteo.
Niente di strano quindi se, dopo svariate cene a base di vellutate e zuppe di verdure, all’improvviso viene voglia di un piatto assaporato la scorsa estate davanti a un tramonto mozzafiato e accompagnato da un vino bianco freddo e profumato.

Ingredienti: 500 gr di gnocchetti di patate, 300 gr di mazzancolle sgusciate, 2 zucchine, 10 pomodori datterini, qualche foglia di basilico, 1 spicchio di aglio, 1/2 bicchiere di vino bianco, olio buonissimo, sale.
In una padella scaldo un filo d’olio con lo spicchio d’aglio schiacciato. Aggiungo le mazzancolle, le cuocio qualche istante a fuoco vivo, sfumo con il vino, salo e lascio cuocere 5 minuti.
In un’altra padella, con un altro filo di olio metto le zucchine tagliate a listarelle piuttosto grosse. Le cuocio pochi minuti perchè voglio mantenerle croccanti. Aggiungo i pomodori tagliati in 4, salo e lascio cuocere pochi minuti.
Unisco i gamberi e faccio insaporire. Nel frattempo cuocio gli gnocchi, li scolo e li salto in padella con il condimento, aggiungendo il basilico a pezzetti e un giro di olio a crudo prima di portare in tavola.
Un bicchiere di vino bianco e vi sembrerà di tornare al mare…

Polpettine alla besciamella

Qualche anno fa uscì al cinema un film d’animazione che si intitolava Piovono polpette. Un titolo geniale secondo me, che mette allegria solo a sentirlo. Mi fa subito venire in mente il mio mondo ideale, un vero e proprio paradiso gastronomico dove, al posto della pioggia (che odio), cadrebbero dal cielo deliziose polpettine di qualunque genere e composizione. Non importa quali siano gli ingredienti: sotto forma di polpette mi piace qualsiasi cosa. Per questo non mi potevo lasciare sfuggire l’occasione di sperimentare questa ricetta: semplice ma con un tocco speciale che la rende irresistibile.

Ingredienti: 600 gr di carne di bollito di manzo, 40 gr di burro, 50 gr di farina, 1/4 di litro di latte, 1 uovo, 2 cucchiai di parmigiano grattugiato, noce moscata, sale, pangrattato.
Faccio a pezzetti il bollito e lo passo nel tritacarne fino a ottenere un macinato finissimo.
In una casseruola sciolgo il burro, aggiungo la farina setacciata e infine il latte freddo a filo.
Lascio cuocere a fuoco basso mescolando continuamente. Insaporisco con un pizzico di sale e di noce moscata, tolgo dal fuoco e aggiungo alla besciamella il parmigiano. Lascio intiepidire e unisco l’uovo sbattuto e infine la carne macinata. Impasto bene e comincio a formare delle polpettine. Le passo nel pangrattato e le dispongo su una teglia ricoperta di carta da forno. Inforno a 180° per 20 minuti.
In alternativa si possono friggere, ma io per una volta mi sono voluta tenere leggera J!

Croccante di fiori di zucca

Quando penso ai fiori di zucca, la prima immagine che si materializza nella mia mente è quella di meravigliosi fiori ripieni di mozzarella e alici, pastellati e fritti.
Credo che la cucina romana in questa ricetta sia imbattibile.
Oggi però voglio proporvi una nuova versione di fiori pastellati, più leggera e cotta al forno.
E’ stato un esperimento, ma il risultato mi ha davvero soddisfatto, quindi la ricetta merita di essere condivisa con tutti voi.
Buon week end gente!

Ingredienti: 20 fiori di zucca, 2 uova, 150 gr di farina, 1 bicchiere di birra, 1 pizzico di sale.
Per prima cosa pulisco i fiori di zucca.
Li lavo e, facendo attenzione a non romperli, li apro per la lunghezza, eliminando il gambo e il pistillo interno, che li rende amari.
Preparo la pastella sbattendo le uova in una terrina, aggiungo la farina setacciata, il sale e la birra a filo, mescolando con una frusta fino a ottenere un composto liscio e senza grumi.
Lascio riposare qualche minuto.
Nel frattempo in una teglia tonda foderata di carta da forno dispongo i fiori a raggiera. Verso sopra la pastella e inforno a 180° per 20 minuti.
Perfetto servito tiepido, come aperitivo.