marzo 2013

Un semplice piatto di spaghetti e buona domenica!

La pasta al pomodoro… (…sospiro…).
Una semplice delizia!
Ci credete che quando vado a mangiare a casa dei miei genitori è questo il piatto che preferisco trovare in tavola?
Profuma di casa, di basilico, di famiglia. Sembra facile da preparare ma in realtà la pasta al pomodoro che prepara la mia mamma è davvero la più buona del mondo (si dice sempre così, ma in questo caso è vero J).!!!
Sarà l’amore con cui la prepara? Il fatto che la mangio con la mia famiglia? O forse un tocco segreto che mamma mi ha sempre nascosto? Anyway… ecco la semplice ricetta (ma preparata con ingredienti di prima qualità) e… buona domenica!!!

Ingredienti: 800 gr di polpa di pomodoro Mutti, 400 gr di spaghetti Verrigni, 1 spicchio di aglio, olio di oliva extravergine Roi, parmigiano grattugiato, basilico, sale.

Scaldo l’olio con lo spicchio di aglio, aggiungo la polpa di pomodoro, un pizzico di sale e lascio cuocere a fuoco dolce con il coperchio per 20 minuti circa. Cuocio la pasta al dente, scolo e ripasso velocemente in padella con il sugo. A piacere potete aggiungere basilico e parmigiano grattugiato.


Lasagna di mare e di campo

Avete presente lo spot della pasta De Cecco? Quello in cui il simpatico Michele La Ginestra, alle prese con la preparazione di un piatto di pasta, cerca di seguire la ricetta ma si accorge via via che gli mancano tutti gli ingredienti necessari? Alla fine, conclude lui: “Poco male, l’unica cosa che conta è la qualità della pasta”.
Parole sante!
E’ la stessa conclusione alla quale sono arrivata io davanti a questa lasagna a dir poco memorabile.
La ricetta l’ho inventata (tanto per cambiare! J), gli ingredienti non sono quelli che solitamente scelgo per preparare paste al forno, ma la vera scoperta e garanzia di successo è stata la sfoglia utilizzata: ha fatto la differenza!
Vi lascio la ricetta, provatela e mi direte…

Ingredienti: 1 confezione di pasta fresca all’uovo Voltan, 400 gr di filetti di merluzzo, 400 gr di broccoli romaneschi, 2 spicchi di aglio, olio extravergine di oliva Roi, 200 gr di scamorza affumicata, 50 gr di pecorino grattugiato, 1/2 litro di besciamella (trovate la mia ricetta qui), 1/2 bicchiere di vino bianco, sale.

Faccio bollire i broccoli in abbondante acqua salata. In una padella scaldo i due spicchi di aglio con un filo di olio di oliva. Aggiungo i filetti di pesce, dopo qualche minuto sfumo con il vino, aggiusto di sale e lascio cuocere a fuoco dolce con il coperchio, fino a che il pesce non diventa morbido. Dopo di che con l’aiuto di un mestolo lo riduco in purea, lo aggiungo alla besciamella insieme ai broccoli e mescolo fino a ottenere una crema omogenea. Con questa salsa porco il fondo di una pirofila. Copro con 2 fogli di pasta. Aggiungo la salsa, parte della scamorza a pezzetti e parte del pecorino. Copro con altri due fogli e continuo con gli strati fino a esaurimento degli ingredienti.
Inforno a 180° per 20 minuti.

Super Hamburger

Come si fa a non sentirsi felici come bambini davanti a un piatto così?
Sembra un cibo da cartoni animati, un incrocio tra i succulenti piatti che cucinava Marrabbio per il Gatto Giuliano (chi ricorda Kiss Me Licia???) e i panini che si sbafava Poldo di Braccio di Ferro.
A me gli hamburger già pronti mettono un po’ di tristezza, quindi li faccio da me. In questo modo li posso avere sempre diversi, e arricchirli con ingredienti vari, a seconda dell’umore.
Oggi li ho preparati così…

Ingredienti per 2 hamburger: 500 gr di carne macinata di manzo, garam masala (uno dei miei acquisti in India. Potete trovarlo nei negozi di alimenti esotici, oppure farlo da voi mixando spezie a piacere, dal curry, al cumino, alla cannella, al cardamomo, al coriandolo), 1 cipollina fresca, 2 uova.
Condisco la carne con masala e cipollina tritata finemente (le quantità dipendono dai vostri gusti), impasto bene e formo due hamburger. Li cuocio in una padella con un filo di olio. A me piacciono al sangue, quindi ho fatto cuocere circa 4 minuti per lato). In una padella a parte cuocio le uova a occhio di bue, senza girarle in modo che il rosso rimanga cremoso. Metto l’uovo sulla carne e il gioco è fatto!