Le origini sono importanti, si sa. La famiglia, i valori e le tradizioni che ti trasmettono, hanno la loro fondamentale importanza nella formazione di ogni individuo. Per questo mi chiedo: come sarei io oggi se, da quando sono in grado di masticare, non avessi inglobato quintali di olive all’ascolana e cremini fritti?                                                                   Già il fatto di non essere “tutta ciccia e brufoli” può sicuramente ritenersi una soddisfazione.                                           La famiglia di mia madre è di Ascoli Piceno e quindi, fin da piccola, ho avuto il privilegio di sapere esattamente cosa fosse una vera oliva all’ascolana: preparata in casa, rigorosamente con 3 tipi di carni diverse, fritta in ottimo olio di oliva extravergine.                                                                                                                                                                             Ecco per voi la mia ricetta di famiglia.

Ingredienti: 1 kg di olive verdi varietà Ascolana, 100 gr di carne di manzo, 100 gr di carne di maiale, 100 gr di pollo, 100 gr di parmigiano, 1 uovo, 1 carota, 1 cipolla piccola, 1 costa di sedano, 1 bicchiere di vino bianco, 30 gr di mollica di pane, scorza di ½ limone,  ½ cucchiaino di noce moscata, 1 pizzico di sale.

Per la panatura: 2 uova, farina e pangrattato q.b.

Per friggere: 1 litro di olio di oliva extravergine.

Fate un soffritto con gli odori e un filo di olio, aggiungete le carni tagliate a pezzettini, salate e fate rosolare. Sfumate quindi con il vino bianco e lasciate raffreddare.  Passate tutto al mixer, trasferite in un recipiente e aggiungete la noce moscata, la scorza di limone, l’uovo, la mollica sbriciolata e il parmigiano. Impastate bene e lasciate riposare il composto per 30 minuti.                                                                                                                                                           Passate a denocciolare le olive, senza spezzarle. Dovete ottenere una spirale di polpa. Riempite ciascuna oliva con un po’ di composto, ridando loro la forma originaria.                                                                                                                    In 3 ciotole differenti preparate le uova sbattute, la farina e il pangrattato. Passate ogni oliva prima nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato. Lasciatele riposare per 30 minuti e ripetete l’impanatura.                                         Friggete in olio bollente e ponete le olive su un piatto coperto di carta assorbente.

olive ascolane francescainthekitchen

 

dettaglio olive francescainthe