novembre 2013

Semplicemente… Tiramisù!

Questo è un dolce incredibilmente buono, bandiera della cucina italiana nel mondo quasi quanto la pizza.                   Io lo adoro, soprattutto nella sua versione “classica”, anche se le varianti sono innumerevoli e altrettanto gustose.        Vi lascio la ricetta e vi auguro di trascorrere un week end super!

Ingredienti: 400 gr di savoiardi, 6 uova, 500 gr di mascarpone, 100 gr di zucchero, caffè per bagnare i savoiardi, cacao amaro in polvere q.b.

Come prima cosa preparate il caffè e lasciatelo intiepidire. Dividete i tuorli dagli albumi, mescolateli con lo zucchero e aggiungete il mascarpone, mescolando bene fino a ottenere un composto spumoso.                                                 Montate a neve gli albumi e incorporateli con delicatezza alla crema.                                                                                           Versate un po’ di crema sul fondo di una teglia, bagnate i savoiardi nel caffè e disponetene un primo strato sulla teglia. Coprite con parte della crema e disponete un altro strato di biscotti inzuppati di caffè. Finite con un altro strato di crema, spolverate la superficie con il cacao amaro e lasciate in frigo a riposare per almeno 2 ore.

Io questa volta ho utilizzato una teglia, ma è molto carino anche preparare il tiramisù in singole coppette o bicchierini.

Tacchinella ripiena del Thanksgiving Day

Oggi si festeggia il Giorno del Ringraziamento.                                                                                                                                I miei GRAZIE personali vanno alla mia mamma e al mio papà (per i quali non basterebbe un Grazie ogni ora, ogni giorno!); alla mia sorellina, che quest’anno mi ha fatto il regalo più grande che si possa immaginare: il mio amato nipotino Tancredi; al mio amato Chef Nanet, compagno di tutti i momenti importanti, che mi aiuta a essere una persona migliore; agli Amici con la A maiuscola, quelli vecchi e quelli nuovi, linfa vitale di ogni avventura;                      ai due Angeli Custodi che mi proteggono dal cielo, che mi mancano ogni istante ma che sento sempre vicino;       alle giornate di sole e anche a quelle di pioggia, perchè se affronti la vita con il sorriso sembra più bello anche un cielo nuvoloso; al mio lavoro fantastico, che ogni mattina mi rende felice di alzarmi dal letto e iniziare una nuova giornata; alla vita, che è forte e che davvero trova tutte le risposte.

Buon Thanksgiving a tutti!!!

Ingredienti: 1 tacchinella di circa 3 kg, già pulita e svuotata, 300 g di castagne,
200 g di salsiccia, 1 mela, la mollica di 2 fette di pancarrè, 1/2 bicchiere di latte,
1 cipolla, 10 prugne secche, 2 cucchiai di uvetta, 2 cucchiai di pinoli già pelati,
20 g di burro, sale e pepe.

Incidete le castagne e fatele cuocere in forno per 30 minuti a 200 °C, poi spellatele
e tritatele. Ammollate l’uvetta in acqua per una decina di minuti e poi strizzatela bene;
in un padellino tostate i pinoli. In una padella fate rosolare con il burro la cipolla
tritata finemente, unite la salsiccia sbriciolata e fate cuocere per 15 minuti. Versate
tutto in una ciotola e unite il pane bagnato nel latte e strizzato, le prugne e la mela
tagliate a pezzettini, le castagne tritate, l’uvetta e i pinoli; aggiustate di sale e pepe
e amalgamate bene.
Con la farcia riempite la tacchinella per 3/4, cucite l’apertura con ago e spago da
cucina in modo che il ripieno non fuoriesca durante la cottura. Spalmatela di burro
e adagiatela in una teglia, foderata con carta forno, con il petto rivolto verso l’alto;
infornate a 180 °C e fate cuocere per 3 ore, girandola di tanto in tanto.                                                                                 Sfornate, portate in tavola e servite.

Tonno scottato in crosta di sesamo

Semplice, veloce e raffinato, questo piatto è degno di un ristorante, è molto gustoso e vi farà fare un figurone anche in una cena organizzata all’ultimo minuto. A me piace molto servirlo come antipasto, ma è ottimo anche come secondo piatto. Vi lascio la mia ricetta.

Ingredienti: 500 gr di filetto di tonno, semi di sesamo, olio di oliva, glassa di aceto balsamico, fiocchi di sale Falksalt, rughetta per guarnire.

A me il tonno piace al sangue quindi, per stare tranquilla e scongiurare il “rischio anisakis“, lo congelo per almeno 96 ore. Lo lascio scongelare in frigorifero e nel frattempo tosto in padella i semi di sesamo. Quando il tonno è completamente scongelato lo impano nel sesamo e lo scotto in padella con un filo di olio e qualche fiocco di sale.   Lo taglio a fettine, lo servo su un letto di rughetta e guarnisco con la glassa di balsamico.