luglio 2015

Paccheri alla (quasi) crudaiola

In questi giorni di gran caldo, sarà banale dirlo, mettersi ai fornelli è un po’ faticoso.
Per questo motivo spesso e volentieri scelgo piatti che si possono preparare con ingredienti freschi, da trattare poco o niente.
I cibi crudi tra l’altro mi piacciono sempre moltissimo perchè mantengono inalterati i sapori e la consistenza.
Oggi vi propongo la mia versione della pasta alla (quasi) crudaiola.
“Quasi” perché le zucchine le ho bollite per pochissimi minuti.

Ingredienti: 300 gr di paccheri, 4 zucchine, 400 gr di pomodori datterini, 200 gr di fiordilatte, 150 gr di mozzarella di bufala affumicata, 2 spicchi di aglio, basilico, olio, sale.

Bollite le zucchine brevemente, giusto per ammorbidirle un poco.
Tagliate a pezzetti i pomodori, le zucchine, i formaggi, il basilico e raccogliete tutto in un recipiente capiente.
Condite con gli spicchi di aglio spellato, olio e sale, coprite e lasciate riposare in frigo.
Cuocete i paccheri in abbondante acqua bollente, scolateli al dente e passateli sotto l’acqua fredda.
Uniteli al condimento, amalgamando bene.

francescainthekitchenpacchericrudaiola3 paccherizucchinemozzarellafrancescainthekitchendettaglio

 

Locanda Garzelli

Sentirsi a casa in un luogo dove si è stati per la prima volta solo un paio di mesi fa.
Dite che è impossibile?
A me è successo alla Locanda Garzelli, nella piccola baia di Quercianella, frazione di Livorno bagnata da un mare che dal 2007 vanta la Bandiera Blu.
Una villa stile liberty di fine ottocento che ospita un ristorante e, al piano di sopra, 6 camere con bagno, piccole ma curatissime e accoglienti.
Alberto, insieme alla sorella e ai due cugini, è proprietario anche dei Bagni Tirreno a Castiglioncello, altro stabilimento e ristorante da non mancare se passate da queste parti.
Si mangia e si dorme sul mare, davanti a tramonti rosa indimenticabili, cullati dalla musica jazz sempre presente in sottofondo.
Ad accoglierci in sala il sorriso di Gabriele e subito una coccola di benvenuto dello Chef Athos: bollicine ghiacciate e moscardini fritti.

aperitivolocandagarzellifrancescainthekitchenAdoro sentirmi coccolata quando vado a mangiare al ristorante e apprezzo tanto tutte quelle piccole attenzioni che fanno sentire il cliente a casa.
Alla Locanda Garzelli ci riescono in modo del tutto naturale.
Anche nella selezione dei piatti si notano la cura e l’amore per i dettagli.
In menù non troppe proposte, che cambiano quotidianamente.
E’ il pesce a essere protagonista e tutti gli ingredienti sono rigorosamente di stagione.
Per la mia gioia i crudi hanno molto spazio, per il resto piatti di chiara influenza labronica ma con estro: dagli spaghetti ai ricci di mare, al cacciucco alla livornese, ai ravioli neri ripieni di pappa al pomodoro con sugo di mazzancolle fresche: tutti i piatti che arrivano in tavola sembrano realizzati da un pittore.
Lista dei vini importante e ben selezionata e dulcis in fundo, è proprio il caso di dire, dolci fatti in casa.

raviolilocandagarzellifrancescainthekitchen

plateaucrudofrancescainthekitchen spaghettoricciofrancescainthekitchen1 tristaratarefrancescainthekitchen

 

Catalana di mazzancolle e agrumi

Questa ricetta per me significa estate per antonomasia: fresca, leggera e composta di pochi semplici ingredienti.
Ben due di questi poi (mazzancolle e patate) rientrano nella mia top 10 dei cibi che preferisco in assoluto.
E voi? Quali sono i cibi ai quali non sapete dire di no?

Ingredienti: 20 mazzancolle, 500 gr di pomodori datterini, 3 patate, 2 coste di sedano, 1 arancia, olio, sale, pepe nero.

Sgusciate le mazzancolle, eliminate il filetto nero e fatele bollire solo pochi minuti in acqua bollente non salata.
Sbucciate e bollite le patate, aspettate che siano fredde e tagliatele a tocchetti.
Con l’aiuto di un pelapatate pelate leggermente le coste di sedano in modo da eliminare i filamenti.
Tagliate il sedano a rondelle, spaccate in quattro i pomodorini.
Unite tutti gli ingredienti e condite con un’emulsione di olio, sale, pepe e succo di arancia.
Se vi piace potete aggiungere anche un pezzetto di cipolla di Tropea tagliata a velo.
Un’ottima idea è quella di preparare questo piatto in anticipo. Copritelo con una pellicola trasparente e tenetelo in frigo fino al momento di servire.
Sarà ancora più gustoso!