aprile 2016

Ricette della tradizione: trippa in due versioni

La mia prima trippa fu di rana pescatrice: con il pomodoro, piccantina, mi ha conquistato in un boccone.
Da allora è stato grande amore.
Ma a delle condizioni: la trippa deve essere ben lavata, tagliata sottile e, naturalmente, ben cucinata.
In bianco o al sugo di pomodoro. Voi quale preferite?

Ingredienti: 1 kg di trippa pre-bollita, 1/2 litro di passata di pomodoro, 2 carote, 2 coste di sedano, 1 cipolla, 1 peperoncino, 1 rametto di rosmarino, 1 foglia di alloro, 5 foglioline di menta, 1 bicchiere di vino bianco, 40 gr di burro, concentrato di pomodoro, pecorino grattugiato, olio extravergine d’oliva, sale, pepe.

Trito gli odori e in due pentole distinte preparo lo stesso soffritto con olio extravergine d’oliva, peperoncino e il trito.
Per la versione in bianco aggiungo una noce di burro.
Aggiungo nelle padelle la trippa. Poi vado avanti così…
Per la versione con il sugo, appena la trippa si fa un po’ rosolata aggiungo la passata di pomodoro, qualche fogliolina di menta, aggiusto di sale e pepe e lascio cuocere per circa 40 minuti a fuoco lento.
Per la versione in bianco, aggiungo alla trippa in padella un paio di mestoli di brodo vegetale, aspetto che si ritiri, quindi sfumo con il vino bianco. Aggiungo il rosmarino e l’alloro e lascio cuocere per 40 minuti.
Una volta cotte spolvero su entrambe le versioni pecorino grattugiato.

IMG_3906ok

 

 

Pollo teriyaki con cipollotti e zucchine

Se andate a curiosare tra le ricette del mio blog noterete che ho una predilezione speciale per il pollo.
Presto spiegato il perché: trovo che questo alimento sia particolarmente versatile, adatto a essere cicinato nei modi più diversi e in abbinamento a tanti ingredienti. Inoltre è leggero e le sue carni bianche garantiscono un ottimale apporto di proteine. Insomma è perfetto per un’alimentazione sana e allo stesso tempo stimola come nessun altro ingrediente la mia fantasia in cucina.
Oggi voglio suggerirvi questa versione dai sapori orientali, una mia versione del pollo teriyaki.

Ingredienti: 1 petto di pollo, 4 zucchine, 3 cipollotti freschi, olio extravergine di oliva, salsa di soia (normale per la marinatura e versione “dolce” per sfumare), peperoncino fresco o secco a piacere.

Innanzitutto taglio il petto di pollo a tocchetti, lo metto in una ciotola, lo copro con la salsa di soia e lo lascio marinare per almeno un’ora.
Nel frattempo lavo le zucchine e le taglio a fiammifero, lasciandole abbastanza spesse in modo che in cottura mantengano la croccantezza.
Pulisco anche i cipollotti facendoli a pezzetti. Utilizzo anche il gambo che è molto saporito.
Scaldo l’olio nel wok insieme a peperoncino a piacere e aggiungo le zucchine.
Lascio cuocere qualche minuto, quindi aggiungo i dadini di pollo ben scolati dalla salsa di soia e cuocio per 5 minuti. Infine aggiungo i cipollotti tagliati, sfumo con la soia dolce e termino la cottura.
Io non aggiungo sale perché la soia conferisce al piatto la sapidità necessaria, ma assaggiate e adattate ai vostri gusti.
Bon appétit!

IMG_3811OK IMG_3822OK

Polpo e patate: un benvenuto all’estate!

Profumo di acqua di mare e di legnetti abbandonati sul bagnasciuga.
Sabbia che accarezza i piedi finalmente nudi.
Il piacere del primo pranzo della stagione sulla spiaggia, guardando il mare: spaghetti allo scoglio, frittura di gamberi e vino bianco ghiacciato.
L’estate è già nell’aria e sicuramente nella mia testa.
Ho bisogno di sole, aria pulita e acqua di mare sulla pelle per ricaricarmi dopo un inverno faticoso e un po’ triste.
Festeggio preparando il piatto che più di ogni altro mi ricorda la stagione estiva, le vacanze in famiglia a Ponza, le gite in barca: polpo e patate. A modo mio.

Ingredienti: 1 kg di polpo, 4 patate, 2 carote, 1/2 limone, 1 ciuffo di prezzemolo, olio extravergine di oliva, sale, pepe.

Faccio bollire il polpo in acqua bollente per 25 minuti e lo lascio raffreddare nella sua acqua di cottura.
Nel frattempo pelo le patate, le cuocio al vapore in modo da mantenerle croccanti e le taglio a tocchetti.
Pelo le carote e le taglio a pezzetti.
Trito finemente il prezzemolo.
Preparo un’emulsione con il succo di limone, olio, sale e una macinata di pepe e vi aggiungo il trito di prezzemolo.
Quando il polpo si è raffreddato lo taglio a pezzetti. Lo unisco alle patate e alle carote, condisco con l’emulsione, mescolo bene e, se non mangio subito, conservo in frigo.

IMG_3718ok IMG_3722ok